Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

No Comments

Elena Tambini, il nostro arbitro preferito - FOTO


canale-Telegram-senoecoseno

( Hey tu! Iscriviti al canale Telegram, ADESSO )

Nel 1974 Lando Buzzanca fece un film intitolato L’arbitro. Nel 2013 Stefano Accorsi era il protagonista di una pellicola chiamata, anche questa, L’arbitro. Tranquilli, non analizzeremo affinità e divergenze fra i due lungometraggi, né vi parleremo di Buzzanca o di Accorsi (anche se vi raccomandiamo di vedere entrambi i film), piuttosto vi presentiamo una collega, non in celluloide, dei due arbitri di cui sopra: Elena Tambini. Nata a Como 26 anni fa la notevole Elena dal 2006 al 2015 è stata arbitro (di calcio, ovviamente) per la sezione di Como (è stata anche responsabile della formazione dei nuovi arbitri della provincia lariana).

Chiaramente la presenza in campo di una avvenentissima donna (che aveva lavorato anche nel mondo della moda) come direttore di gara iniziò ben presto ad essere notata. Soprattutto perché la Tambini arbitrava in maniera ottimale. Non a caso venne ben presto soprannominata “l’arbitro più sexy d’Italia” e con questo “titolo” trovò spazio anche nei tabloid d’oltremanica.

Elena, persona riservata, tuttavia non ha minimamente cavalcato la cosa. Ha continuato a studiare Economia a Milano (dove si è laureata) e a lavorare nell’ufficio stampa di Van de Sfroos. Quindi la gavetta nel mondo del giornalismo locale comasco ed infine l’approdo in Mediaset: La moviola è per tutti, Dentro i fatti ed infine Quarto grado, dove lavora e si fa apprezzare tutt’ora.

Segnaliamo il suo libro, pubblicato nel 2015, intitolato Amore e fuorigioco – Manuale sentimental-sportivo a uso del gentil sesso.

Chi scrive l’ha vista all’opera, in veste di arbitro, alcuni anni fa. Una partita dilettantistica (categoria Eccellenza) in provincia di Padova. Facciamo notare un paio di cose. Arbitrò in maniera più che egregia, facendosi rispettare da tutti i calciatori in campo senza mai eccedere in arroganza o in autoritarismo. Inoltre: se un arbitro di una determinata sezione viene inviato in altra regione a centinaia di chilometri, significa che a livello professionale è persona molto quotata, rispettata e capace.

Seguitela, su Instagram (elytamb) e su Twitter (@ElyTamb)!

elena_tambini-elytamb-1

[ Vai AVANTI, clicca sul numero SUCCESSIVO ]

(Visited 9.672 times, 1 visits today)
Clicca Mi Piace!
Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27