Home Tech Batterie esplosive: ecco il “piano antincendio” di Samsung

Batterie esplosive: ecco il “piano antincendio” di Samsung

samsung-test-batteria

samsung-galaxy-note-7-explosione

Dopo un anno a dir poco catastrofico, la Samsung cerca di risollevare l’immagine dell’azienda introducendo un nuovo processo di test di sicurezza per evitare che il disastro del Note 7 si ripeta di nuovo in futuro.

A verificare l’efficacia del nuovo processo di sicurezza che riguarderà tutte le batterie agli ioni di litio che andranno ad equipaggiare tutti i nuovi device, Samsung ha chiamato ingegneri dalle migliori università: Cambridge, Berkley e Stanford.

Tra i vari step introdotti da Samsung per garantire la sicurezza delle sue batterie troviamo: durability testing, visual inspection, x-rays, charge and discharge tests, tests of total volatile organic compounds (TVOC), disassembling tests, accelerated usage tests, e open circuit voltage tests.

E’ importante notare che alcuni di questi test come l’open circuit voltage test erano già condotti sui device precedenti ma da oggi saranno effettuati con modalità più approfondite e con maggiore frequenza nel tempo per verificare la sicurezza delle batterie.

Questi nuovi standard di sicurezza erano molto attesi dal mercato che aveva evidentemente perso fiducia in un brand ormai leader nel campo della telefonia e che rischiava di perdere una grandissima fetta di mercato e di utenza.

L’ infografica di Samsung ci mostra nel dettaglio quali sono le fasi di testing.

samsung-test-batteria