Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

One Comment

Abbiamo intervistato Mary Stuart di Tette e Cibo - FOTO

Mary-Stuart-tette-cibo

Mary Stuart è nata a Roma non si sa bene quando, sicuro sotto un fiore di zucca. Ha iniziato la sua carriera come modella/attrice per poi spostarsi nel 2009 nel meraviglioso mondo della fotografia, passando per due anni di giurisprudenza abbandonati al volone. Abita a Roma ma per lavoro gira in Europa molto volentieri. Ha un gatto di 18 anni.


L’INTERVISTA:

D: Mary Stuart, grazie ai tuoi scatti su Instagram, ti conosciamo come fotografa e social influencer. Cosa non sappiamo ancora di te? Chi è Mary Stuart fuori dai social?

R: Fondamentalmente sono quella che si vede sui social, sono una persona molto diretta e sincera senza troppi pudori o taboo. Mi piace l’umorismo nero e parlare di sesso , insomma tutto ciò che è umano. Chiaramente questo sui social è più estremizzato, nella vita privata sono una ragazza abbastanza discreta e silenziosa, non amo le situazioni sociali e non sono una di quelle persone che parla sempre. Insomma un po’  orsa.

[ Guarda le ALTRE foto, clicca su SUCCESSIVO ]

[ Guarda le ALTRE foto, clicca su SUCCESSIVO ]

D: Mary, stai letteralmente conquistando Instagram con le foto del tuo seno, associato al piatto del giorno da te cucinato. Come ti è venuta l’idea e, soprattutto, quali sono le prospettive future di questo progetto?

R: Guarda l’idea è venuta un pò da sola. Avendo fatto la modella ( anche di nudo ) ed essendo un esibizionista abituata a pubblicare foto abbastanza svestite di se, un giorno facendo il ragù per la lasagna ho pensato “madonna il ragù che buono mi fa sangue” e “madonna anche le tette però so mega buone, pensa che ride se faccio na foto del ragù nella pentola dalla mia soggettiva delle tette” ed ecco qui. In generale uso i social per far ridere o per fare dell’umorismo, mi sembrava che le tette e il cibo fossero un’ottima accoppiata. Per quanto riguarda il futuro non ti so dire, mi hanno contattato varie persone per crearne una rubrica fissa sui propri magazine, ma si vedrà . Spero in collaborazioni divertenti con qualcuno che cucini seriamente.

Mary Stuart - fotogallery - #4

D: Tantissimi uomini apprezzano i selfie del tuo seno, basta scorrere tra i commenti sotto le foto. Non hai paura di diventare una donna-oggetto e di essere considerata solo per la tua bellezza?

R: Per me la definizione donna-oggetto non esiste. E’ una di quelle definizioni (come femminicidio) sfruttate da femministe frustrate o da studio aperto. Una delle caratteristiche dell’essere donna è essere oggetto di attenzioni, la femminilità è estetica del corpo e saperla gestire in maniera divertente e sana. Chi ha paura di diventare una donna-oggetto sicuramente non ha molta fiducia nelle sue altre qualità.

D: IG rappresenta, al giorno d’oggi, una vetrina importantissima. Perché Instagram e non un blog? Cosa ti ha spinto a pubblicare tue foto su IG?

R: Instagram rispecchia  il social ideale. Amo le foto ( è il mio lavoro ) ma trovo insopportabile riempire facebook solamente di fotografie. Instagram in questo rappresenta il veicolo perfetto per raccontare le proprie passioni con le immagini, senza troppi fronzoli. Per un blog sono troppo pigra, e non so come funzioni il riuscire a raggiungere una visibilità decente attraverso un blog.

[ Guarda le ALTRE foto, clicca su SUCCESSIVO ]

[ Guarda le ALTRE foto, clicca su SUCCESSIVO ]

D: Definisci in una parola il tuo rapporto con IG.

R: Amo instagram, ti racconti visivamente quanto ti pare. chi vuole ti segue, e segui chi vuoi , senza nessun rompicoglioni o appello random sociale.

D: Tette e Cibo: due passioni non da poco. L’ispirazione per le foto sono arrivate da qualcuno, è tutto frutto di un gioco o magari della noia?

R: Come ho specificato prima il cibo e il corpo sono da sempre una mia passione , è un periodo però in cui cibo e corpo si adorano particolarmente , li sento molto presenti e li sto vivendo alla grande.

D: Classica domanda di fine intervista: quali sono i tuoi progetti per il futuro e, soprattutto, come ti vedi tra cinque anni?

R: Spero di continuare con la fotografia a livello mondiale e di riuscire a guadagnarci bene, anche se in questo Roma non aiuta per niente. Tra cinque anni spero che le mie tette siano sempre bellissime <3


Grazie Mary per la chiaccherata! Vi ricordiamo di Seguirla su Instagram e Facebook!


GUARDA ALTRE FOTO:

Mary Stuart - fotogallery - #14

[ Guarda le ALTRE foto, clicca su SUCCESSIVO ]

(Visited 7.505 times, 1 visits today)
Clicca Mi Piace!
Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Comments