Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

No Comments

PS4 Pro: tutto quello che sappiamo della nuova console Sony


Sin da quando è approdata sul mercato, PlayStation 4 è stata subito criticata dai videogiocatori per essere “uscita già vecchia”, ovvero con componenti hardware che non rispecchiavano appieno la visione di “next-gen” che avevano i videogiocatori. Ma non sapendo quello che avrebbero annunciato 3 anni dopo, i giocatori si sono accontentati.

Poi iniziarono ad apparire sul web i primi rumor riguardo una nuova console di casa Sony, il che fece drizzare le orecchie degli appassionati che, in coro, si sono chiesti: “Ma come, già annunciano PS5?” Ma non ci volle molto per scoprire che in realtà non era una nuova console. O meglio: non completamente nuova, ma “mezza nuova”.

Infatti la tanto rumoreggiata nuova console, la quale aveva il nome in codice di PS4 Neo, non era altro che una versione aggiornata dell’attuale PS4, con componenti hardware migliorati. I mesi passarono e Sony iniziava a dire qualcosa in merito, finché durante PlayStation Meeting del 7 settembre è stata ufficialmente annunciata la nuova PlayStation 4 Pro.

Console nuova, design rivisto, prestazioni decisamente migliorate e la tanto agognata risoluzione 4K. Ma andiamo per gradi.

PlayStation 4 Pro monta una CPU AMD Jaguar da 8 core ed una GPU basata su AMD Radeon con 4.2 TFLOP, uniti ad una memoria RAM da 8GB GDDR5 più 1GB di RAM GDDR3 aggiunto per permettere alla console di avere maggiore velocità per le operazioni in background. Con questa nuova console abbiamo 1TB di memoria (in cui si possono archiviare dati di salvataggio, giochi e quant’altro), espandibile poi acquistando separatamente HDD più capienti. Sony infatti ha reso più semplice l’installazione di hard disk esterni a quello stock.

ps4-pro-specs
La vera peculiarità di questa PS4 Pro è il supporto alla risoluzione 4K, sia essa nativa o upscalata. L’azienda giapponese infatti, in collaborazione con AMD, ha sviluppato una nuova tecnologia per poter utilizzare al meglio tale risoluzione (dato che la console non è abbastanza potente da supportare i 4K nativi su tutti i videogiochi).

Tale tecnologia viene definita checkerboard, in cui sostanzialmente, durante la renderizzazione, vengono alternati pixel renderizzati a pixel neri, e frame dopo frame pixel renderizzati e pixel neri vengono scambiati. Per evitare che lo schermo appaia effettivamente mezzo nero ogni frame viene poi aggiustato tenendo in considerazione i frame precedenti. Questa tecnica sarà combinata con il semplice upscaling da risoluzioni inferiori a risoluzione 4K.

I giochi infatti verranno riprodotti con tale risoluzione per i possessori di un televisore 4K, mentre coloro che hanno ancora una TV Full HD beneficeranno di altre migliorie sia a livello grafico che di stabilità del frame rate. È inoltre supportato l’HDR (High-dynamic Range), che rende l’immagine molto più viva e realistica a livello di colori. Basta vedere come cambiano drasticamente giochi come il prossimo Horizon: Zero Dawn ed il famoso The Last of Us Remastered con l’HDR attivo.

Tale tecnologia, inoltre, non sarà riservata solamente ai possessori della nuova console, ma potranno beneficiarne anche i possessori della PS4 “base” a patto di avere un televisore che la supporta. Un’ottima mossa da parte di Sony.

Ma in che modo andranno a migliorare i videogiochi? Beh, questo dipende molto dalle software house. C’è chi darà tre opzioni agli utenti, come accadrà per Rise of the Tomb Raider: potranno scegliere se puntare tutto sulla risoluzione (e quindi utilizzare i 4K upscalati), oppure puntare su un frame rate più stabile o meglio ancora decidere di puntare tutto sulla grafica.

Altri videogiochi invece, come The Last of Us Remastered e Infamous: Second Son (ed il suo DLC standalone First Light), introdurranno semplicemente il supporto al 4K e all’HDR senza ulteriori migliorie grafiche. Anche il PlayStation VR beneficerà della potenza di PS4 Pro, infatti si potrà avere una maggiore stabilità del frame rate e\o migliore risoluzione grafica.

infamous-first light-ps4 pro

Ora vi starete chiedendo quali giochi saranno supportati per la console. Beh, vi lasciamo direttamente alla lista completa dei titoli che usufruiranno della potenza della nuova piattaforma:

  • Bound
  • Battlefield 1
  • Call Of Duty: Black Ops 3
  • Call of Duty: Infinite Warfare
  • Call of Duty: Modern Warfare Remastered
  • Deus Ex: Mankind Divided
  • DRIVECLUB VR
  • EA SPORTS FIFA 17
  • HELLDIVERS
  • HITMAN
  • Hustle Kings
  • inFAMOUS First Light
  • inFAMOUS Second Son
  • Knack
  • Mafia III
  • Middle-earth: Shadow of Mordor
  • NBA 2K17
  • Paragon
  • Ratchet & Clank
  • RIGS Mechanized Combat League
  • Rise Of The Tomb Raider
  • Robinson: The Journey
  • SMITE
  • Super Stardust Ultra
  • The Elders Scrolls Online: Tamriel Unlimited
  • The Elder Scrolls V: Skyrim Special Edition
  • The Last Of Us Remastered
  • The Last Of Us: Left Behind
  • THE PLAYROOM VR
  • Titanfall 2
  • Tumble
  • Uncharted 4: A Thief’s End
  • Until Dawn: Rush of Blood
  • VR Worlds
  • World Of Tanks
  • XCOM 2

Ma voi che siete già in possesso di una PS4 e non avete intenzione di acquistare la nuova console dell’azienda giapponese, non disperate! I videogiochi che usciranno per PS4 Pro saranno disponibili, ovviamente, anche per PS4 e non ci saranno esclusive per nessuna delle due piattaforme.

ps4-pro

Bollino che contraddistingue i giochi ottimizzati per PS4 Pro da quelli per PS4.

Pochi fortunati acquirenti sono riusciti a mettere mano sulla console giorni prima della sua release, caricando su internet immagini e video vari dove vanno a presentare la console e la comparano con le altre due versioni precedenti (PS4 base e PS4 Slim), oltre che con le altre due console di casa Microsoft.

Vi lasciamo quindi ora ad alcune immagini della console e a qualche video di comparazione. Buona visione!

PlayStation 4 Pro sarà disponibile a partire dal 10 novembre 2016 alla modica cifra di €409.

(Visited 264 times, 1 visits today)
Clicca Mi Piace!